Mara Zappacosta, danzare sulle onde

Mara raccontami della tua attività.

La mia è un'azienda familiare a cui sono subentrata dopo gli studi, circa 14 anni fa. È stata fondata da mio padre Angelo, nel 1974, che da giovane meccanico ha aperto un'officina, poi divenuta concessionaria grazie al momento economico proficuo. Io mi occupo della parte commerciale, mentre mio padre cura i servizi di assistenza, officina e centro revisioni.

 

Avete dei dipendenti?

Si. Ma la mia attività ha attuato una riduzione negli ultimi anni, passando da 10 ai 4 attuali. La crisi ci ha costretti a ridurre i costi, e con grosso rammarico e dispiacere abbiamo dovuto ridurre anche il personale.

 

Vi avvalete di consulenti esterni?

Preferiamo curare tutto da noi, visto che oggi i consulenti incidono molto sui costi delle imprese.

A causa della crisi oggi siamo molto più attenti alle esigenze del cliente, che si traduce soprattutto nel dare il massimo servizio ad un costo sostenibile.

 

Come è cambiata la vostra attività nel passaggio tra l'era analogica e quella digitale?

Cosa facevate prima?

Per quanto riguarda la comunicazione prima utilizzavamo pagine pubblicitarie su quotidiani, periodici e riviste di settore. Inoltre mandavamo mensilmente spot radiofonici. Questo funzionava molto. Oggi non utilizziamo più questi media.

Se non ci fosse stato un ricambio generazionale all'interno della mia azienda, forse mio padre non avrebbe saputo affrontare questo passaggio. Per fortuna siamo un team giovane e attento ai cambiamenti, per cui siamo riusciti a seguire abbastanza bene questo passaggio, ed utilizziamo molto la rete per la nostra comunicazione.

 

Come utilizzate il web?

Utilizziamo siti di settore, specializzati nel mercato automobilistico e alcuni social, Facebook in primis.

 

Da cosa dipende il successo di una piccola impresa?

Dalla professionalità, dedizione e passione che metti sul lavoro, dall'attenzione alle esigenze del cliente.

Da un punto di vista gestionale, ci deve essere un attento controllo dei costi per indirizzare gli investimenti in maniera molto mirata. Non sperperare quindi le risorse e avere oculatezza negli investimenti.

 

Cosa fai nei momenti bassi?

Creo, cerco un'opportunità, studio nuove promozioni... La pausa mi da il tempo per creare e un'opportunità per riflettere. Le grandi idee nascono sempre nei momenti di stasi.

 

Quali sono i vostri prossimi obiettivi?

Esserci ed esserci più di prima. Con un'impronta ancora più definita perché la crisi ci sta dando l'opportunità di riflettere sui punti di forza e sui punti deboli, per puntare sui primi e migliorare i secondi.

 

Cosa consigli a chi vorrebbe aprire oggi un'attività come la tua?

Di non farlo! Di non aprire adesso. E a chi decidesse di farlo consiglierei di essere diverso dalla massa. Perché in un settore così saturo puoi catalizzare attenzione solo se fai la differenza. 

 

Cosa sta facendo la classe politica per aiutare le imprese?

Non ci sta aiutando nessuno.

 

Uno sguardo al futuro

Il futuro è imparare a danzare sulle onde.

L'automobile diverrà sempre meno status symbol, infatti le dinamiche sociali ed economiche hanno portato a rivedere il concetto di auto per ognuno di noi. Esso sarà sempre un mezzo di cui non si può fare a meno, ma sempre più un mezzo di trasporto e non un alter ego. Da questo si porrà sempre più attenzione ai consumi, ai costi di manutenzione e di gestione.

Inoltre tutti gli studi del settore sono rivolti alla sensibilizzazione del rispetto della natura e quindi alle auto il più possibile ecologiche, e all'utilizzo di combustibili alternativi e anche meno dannosi per l'ambiente.

Mara Zappacosta - Angelo Zappacosta srl - Chieti

HERO: VOCE ALLE IMPRESE


Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Katharine Jeanbaptiste (sabato, 04 febbraio 2017 00:12)


    I was curious if you ever considered changing the page layout of your site? Its very well written; I love what youve got to say. But maybe you could a little more in the way of content so people could connect with it better. Youve got an awful lot of text for only having 1 or two pictures. Maybe you could space it out better?

  • #2

    Brooke Sinha (lunedì, 06 febbraio 2017 01:08)


    Oh my goodness! Impressive article dude! Thank you, However I am experiencing troubles with your RSS. I don't know why I cannot join it. Is there anybody having the same RSS problems? Anybody who knows the answer will you kindly respond? Thanks!!